Le favorevoli condizioni create dall’attività mineraria di inizio novecento fecero di Iglesis, grazie all’apporto di progettisti provenienti da diverse parti d’Italia e d’Europa, un polo particolarmente atto a recepire le nuove tendenze architettoniche.

Tratti distintivi del Neogotico, dell’Eccletismo, del Liberty sono individuabili nelle facciate dei palazzi del Corso Matteotti. Il palazzo al n. 44 mostra pregevoli elementi di decorazione architettonica. Sviluppato su quattro piani e costruito in cemento e materiali tradizionali, presenta un elegante frontespizio in cui spiccano due bowindows di stile anglosassone a pianta poligonale.

Sopra le finestre allungate e strette, partiti ornamentali in cemento raffigurano cespi di rose.