La facciata è caratterizzata da un fastigio ad arco ribassato che riporta l’intitolazione “Teatro Electra” (originariamente era presente la scritta “Cinema Electra”). Gli andamente spezzati di un certo Déco presenti nella vetrata ricordano il coevo Teatro De Candia di Ozieri.

L’ex Cinema Elettra è stato recentemente oggetto di restauro e di recupero funzionale ad uso teatro.

Attraverso un intervento radicale finalizzato al reperimento degli spazi necessari per rivitalizzare funzionalmente la struttura e nel contempo adeguarla alle normative in materia di pubblico spettacolo, si è intervenuti sugli edifici adiacenti salvaguardando gli aspetti di carattere tipologico e architettonico e tutti quegli elementi aventi valenza storico-artistica.

Nello specifico sono state demolite le coperture ormai fatiscenti e ricostruite fedelmente nella loro composizione e nell’uso dei materiali, pur con alcuni accorgimenti di carattere tecnico.

Constatato il sensibile dislivello altimetrico esistente tra la piazza Pichi e la via Cavour, in prossimità dell’ingresso è stato realizzato un ampio volume al disotto del livello stradale che ha consentito di ottenere, oltre ad uno spazio comune in cui trova accoglimento la zona bar ed alcune vie di fuga, diversi locali tecnici necessari per rendere razionalmente funzionale l’insieme della struttura.

Attraverso una complessa articolazione di tramezzature e murature sono stati ricavati alcuni ambienti necessari per il funzionamento del teatro. Inoltre è stato valorizzato l’originario ingresso principale dalla piazza Pichi ed è stato ricavato un ingresso alternativo in funzione anche di uscita di sicurezza dal lato della via Cavour.