Di epoca aragonese, la chiesa è legata alla presenza fondante dell’Arciconfraternita della Vergine di Pietà del Santo Monte. La facciata si distingue da una struttura civile solo per la presenza dell’oculo dalla ghiera modanata.

L’interno è costituito da una piccola aula a navata unica attraversata da un arco a sesto acuto che la divide in due campate. Al centro del presbiterio è posta una mensa di pietra decorata con un rilievo raffigurante l’Ultima Cena e, alle sue spalle, una nicchia custodisce il simulacro del santo titolare. A destra si apre la cappella dedicata ai Misteri, eretta nel 1727 per contenere i simulacri processionali delle diverse fasi della Passione.

Notevole l’acquasantiera in pietra con quattro pesci scolpiti nel bacile, databile tra il XVI e il XVII secolo.

Indirizzo: Via Pullo, 4