Edifici e attrazioni turistiche

Il centro medievale era racchiuso da una cerchia di alte mura costruite dai Pisani e poi rafforzate dagli Spagnoli. L’accesso era garantito da quattro porte: P. Maestra, P. Castello, P. S. Antonio e P. di Monte Barlao. Tra Porta Castello e Porta Sant’Antonio, tra il 1200 e il 1300 per volere del Conte Ugolino della Gherardesca fu costruito sul colle di Salvaterra l’omonimo castello.

E’ possibile visitare il nucleo storico partendo da due piazze esterne alle mura, Piazza Quintino Sella e l’adiacente Piazza Oberdan, aperte intorno al 1880, che ospitano rispettivamente il monumento a Quintino Sella realizzato da Giuseppe Sartorio, e quello ai caduti, dell’artista nuorese Francesco Ciusa. Da qui, lungo il Corso Matteotti, si possono ammirare le facciate dei palazzi in stile Liberty, come il civico 44, ricco di pregevoli elementi di decorazione architettonica.

Si arriva quindi a Piazza La Marmora, campeggiata al centro dalla fontana di “Maimoni” risalente al 1700.

Nei pressi della piazza, sulla via Canelles, è possibile visitare il Museo Etnografico della civiltà agro-pastorale e dell’artigianato della città di Iglesias, ospitato in un’antica e caratteristica cantina.

Percorrendo invece la via Sarcidano si incontra il Teatro Elettra e superato il vico Duomo, si arriva alla Piazza del Municipio. Su questa, si affacciano l’ottocentesco Palazzo Civico e la Cattedrale, raccordata da una galleria al Palazzo Vescovile, frutto di diversi progetti realizzati tra il 1763 e il 1782. Sulla porta principale, un’iscrizione riporta la data del 1835, indicante i rifacimenti del prospetto. Il luogo ora è sede di attività culturali.

Proseguendo per via della Decima, si arriva alla via Angioi, su cui si affaccia l’ Archivio Storico comunale, ex-carcere mandamentale cittadino realizzato nel 1794. Luogo di studio impreziosito da teche che custodiscono notevoli reperti archeologici della preistoria locale e archivi ricchi di fonti della storia mineraria di Monteponi. Degno di nota è il “Breve”, codice legislativo che risale al 1327, che testimonia l’origine pisana della città. Il documento è il più antico e importante della storia cittadina.

Proseguendo infine per via Angioi e per via Crispi si arriva nella via Roma, al “distretto delle scuole” con le Scuole Elementari Femminilii e, all’interno di una bella costruzione Liberty degli inizi del ‘900, l’ Istituto Minerario Giorgio Asproni che ospita la sede del Museo di Minearologia, con la più completa collezione di minerali dell’isola, e il Museo dell’Arte Mineraria. Accanto si trova la Palazzina dell’Associazione Mineraria Sarda caratterizzata dagli ornamenti tipici del Liberty.

Fuori città, in località Masua, si trova il Museo delle Macchine da Miniera, memoria dello sfruttamento secolare dei giacimenti minerari.

Da visitare:

Antica Offelleria La Marmora

Il palazzo, che tuttora ospita una pasticceria, sorge in piazza La Marmora. Il carattere Liberty è conferito dalle numerose insegne ...
Leggi Tutto

Palazzina dell’Associazione Mineraria Sarda

L'edificio è inserito lungo la via Roma, accanto all’Istituto Minerario “Giorgio Asproni” . La palazzina ha origine da un concorso ...
Leggi Tutto

Istituto Tecnico Minerario “Giorgio Asproni”

L'edificio è situato lungo la via Roma, nei pressi delle mura medioevali della città. La costruzione dell'Istituto Tecnico nasce da ...
Leggi Tutto

Scuole Elementari Femminili

Le scuole elementari femminili vennero inaugurate nel 1933 su disegno dell'architetto Guido Amori, in quella sorta di "distretto delle scuole" ...
Leggi Tutto

Archivio Storico

Sito in Via delle Carceri l’Archivio Storico Comunale di Iglesias è stato riconosciuto nel 1979 dal Ministero dei Beni culturali ...
Leggi Tutto

Palazzo Civico

Il municipio di Iglesias venne edificato verso la fine del XVIII secolo in forme neoclassiche al posto di una Casa ...
Leggi Tutto

Cinema Electra

La facciata è caratterizzata da un fastigio ad arco ribassato che riporta l'intitolazione "Teatro Electra" (originariamente era presente la scritta ...
Leggi Tutto

Fontana del Maimone

La fontana de Su Maimoni è posizionata al centro della piazza La Marmora, impreziosita dalle opere artistiche del pittore sardo ...
Leggi Tutto

Palazzetto Liberty

Le favorevoli condizioni create dall'attività mineraria di inizio novecento fecero di Iglesis, grazie all'apporto di progettisti provenienti da diverse parti ...
Leggi Tutto

Castello di Salvaterra

Come si raggiunge Il castello sorge sul colle Salvaterra ed è ben visibile da ogni punto della città. Partendo da ...
Leggi Tutto

Mura Pisane

Le mura pisane circondano la città in corrispondenza del Centro Storico e, per un perimetro calcolabile a circa 1600 metri, ...
Leggi Tutto